TORTA UBRIACA A MODO MIO

Oggi vi voglio proporre la torta ubriaca un dolce molto particolare che ho avuto modo di assaggiare alla festa di un’amica e mi ha incuriosito molto. La ricetta originale prevede l’aggiunta di burro ma essendo intollerante al lattosio ho modificato il tutto per renderla gustosa ma al tempo stesso adatta per chi, come me, non può utilizzare ingredienti con lattosio

Ho provato come prima volta a mixare gli ingredienti a modo mio e devo dire che è venuta fuori una torta davvero molto golosa e leggera, dal gusto delicato.

Dal nome si capisce bene che è a base di vino rosso, che si sente nell’impasto ma si abbina molto bene al cioccolato fondente e al cacao che ho utilizzato

La torta ubriaca è molto semplice e veloce, vado a illustrarvi come l’ho realizzata

INGREDIENTI:

  • 4 uova
  • 200 gr di farina
  • 140 ml di vino rosso (io in questo caso ho utilizzati un chianti classico dell’Azienda Agricola Manetti Leonardo)
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 250 gr di zucchero
  • 50 gr di cacao amaro
  • 50 gr di olio di semi
  • 1 bustina di vanillina
  • 100 gr di philadelphia senza lattosio

PER LA BAGNA:

  • 150 ml di vino rosso
  • 1 stecca di cannella
  • 1 bustina di vanillina
  • 50 gr di cioccolato fondente grattugiato
  • 100 gr di zucchero (la dose è a piacere)

PROCEDIMENTO:

  1. Montare le uova con lo zucchero e aggiungere il vino rosso,  il cacao amaro, la philadelphia, l’olio e la vanillina
  2. aggiungere la farina, il lievito per dolci e il sale
  3. frullare facendo amalgamare bene gli ingredienti
  4. imburrare la teglia di circa  26 cm, versate l’impasto  e livellare
  5. in forno a 180°C per 35 minuti circa, regolarsi con il proprio forno e con la prova stecchino
  6. intanto preparate la bagna
  7. fate bollire il vino con lo zucchero, la stecca di cannella e la vanillina
  8. aggiungete il cioccolato fondente grattugiato e fate glassare
  9. ricoprire tutta la superficie della torta e far riposare almeno 1 ora prima di servirla.

La torta ubriaca è pronta da essere gustata dopo pranzo o cena magari decorata con della panna montata fresca 😉

Precedente Azienda Agricola Leonardo Manetti, quando il sogno si realizza Successivo KROMBACHER, tutto il gusto della buona birra